Si ringrazia per lo scatto Giovanni Ursino 

scatto del Prof. Giulio Iudicissa

<<Si viaggiare, evitando le buche più dure, senza per questo cadere nelle tue paure, gentilmente senza fumo con amore, dolcemente viaggiare, rallentando per poi accelerare>>. Il favoloso Lucio Battisti nel cantare questo testo, scritto da Mogol e pubblicato nel lontano 1977, non si riferiva certamente ad una strada, né tanto meno alle condizioni del percorso alternativo che porta ogni fine settimana centinaia e centinaia di tifosi tanto alla domenica calcistica, quanto alla domenica pallavolista nei pressi dello stadio e del palazzetto in c/da Brillia. Ma andiamo per ordine.