In questi anni, abbiamo spesso raccontato di zone disastrate, ma forse mai ci siamo imbattuti in qualcosa di simile. Contrada Boscarello, Schiavonea di Corigliano. Siamo a pochi passi del campo sportivo di via Monaco, struttura chiusa non solo per causa covid, ma questa è un’altra storia che presto vi racconteremo. Ma andiamo con ordine, una cosa alla volta. In questa contrada si vive da anni una situazione di forte disagio. Abbiamo constatato, proprio ieri, di persona, quanto vi andiamo a descrivere. Manto stradale dissestato, illuminazione insufficiente, di segnaletica nemmeno a parlarne. Quasi un film già visto, ricorrente in tante altre contrade. A rendere la zona invivibile è la quantità di rifiuti che quotidianamente incivili depositano a bordo strada. Nello specifico la discarica è un terreno abbandonato, lasciato all’incuria dai proprietari. In questa parte di terreno circoscritta inoltre vi è un casolare diventato da anni un ritrovo di senzatetto. Niente corrente elettrica, zero servizi igienici, con le conseguenze facilmente immaginabili. Non sono servite a nulla segnalazioni e diffide scritte, indirizzate ai vari organi competenti, sindaco in primis. Nessun intervento, a quanto ci risulta, zero segnalazioni al proprietario del luogo divenuto discarica e ritrovo incontrollato.  Nulla di nulla. Sarcastica la battuta di un residente: «Ormai non serve più dare indicazioni con il nome della via. Per indicare casa mia basta dire, dopo i topi a destra. Scherzi a parte, siamo all’assurdo. Dobbiamo combattere contro l’inciviltà e l’abbandono. Passano i mesi e la situazione peggiora, non posso dire di aver visto interesse da parte delle autorità sollecitate». Nei pressi di un raccoglitore di oli esausti ci si imbatte in decine di buste di spazzatura. Cumuli gettati da incivili, che richiamano cani, gatti e topi. Lo scatto è di ieri. E purtroppo, si commenta da solo.