in foto il prof. Giulio Iudicissa 

Gli auguri
Come gli altri anni, anche quest'anno, tanti gli auguri, preceduti dai consueti aggettivi e seguiti dalle specificazioni rituali. Di certo fanno piacere, ma quanti siano veri nessuno può dire, tranne mittente e destinatario.
Dubbi quelli che pervengono per invio multiplo, come incerti quegli altri, di chi per un anno non ti ha inviato un sorriso o una parola di conforto, a seconda dei casi.
Quelli che restano, pochi o pochissimi, teniamoli cari e agli autori facciamo, finché festa duri, una bella, lunga telefonata.