Stampa
Categoria: Cultura

Dallo scrigno delle conversazioni con mia madre riaffiora, oggi, un pomeriggio invernale.

Si discorreva del tempo, delle mode e di certe stravaganze. Sedevamo, come al solito, lei sulla poltroncina in pelle nocciola ed io, a lato, sulla bassa seggiola impagliata. Le piaceva tanto ascoltarmi ed io ero molto interessato al suo parere, cosicché le ore scivolavano lente, come se dovessimo trascrivere l'uno le parole dell'altra.

“Possibile, le dicevo, che il mondo sia così cambiato?”

E lei, con un segno di tristezza negli occhi suoi dolci, piegando la testa, mi rispondeva che si era solo all'inizio.