in foto il mister R.Apicella

Articolo di C. Lifrieri

 

Che Corigliano sia un paese particolare è cosa ben saputa. Che la Corigliano calcistica, da qualche anno, viva un mix di emozioni contrastanti a velocità della luce, lo abbiamo capito pure. La scorsa domenica, al termine della prima partita di Eccellenza 20/21, dove la compagine di Mauro Nucaro non si era presentata, causa mancanza di giocatori, lo stesso numero uno biancoazzurro aveva dichiarato: “Domenica prossima a Lamezia ci saremo. Io conosco bene questo campionato, e nella mia intenzione c’è quella di formare una squadra in grado di competere. In questa settimana allestirò una squadra che dovrà essere pronta per giocarsi le sue carte per vincere l’Eccellenza, ma se il 12 dovesse essere deciso che il Corigliano debba disputare il campionato di Serie D, la squadra dovrà essere altrettanto pronta, anche se credo poco in questa eventualità”. Seppur ormai da tempo hanno abbandonato la squadra, dubbi e perplessità hanno aleggiato attorno ai tantissimi tifosi biancoazzurri, fino a quando nella giornata di venerdì, Nucaro e co. hanno trovato l’accordo con l’allenatore Raffaele Apicella. Autoctono e passionale, seppur con poca esperienza in questa categoria da allenatore, Apicella è un uomo di calcio. Bene ha fatto lo scorso anno al N.A. San Giacomo in prima categoria, fino a quando la dirigenza acrese ha deciso di allontanarlo, senza apparenti motivi, data la consolidata seconda posizione ricoperta in classifica. I tifosi coriglianesi però, lo ricordano per la vittoria del campionato di prima categoria con il Marina di Schiavonea e soprattutto per i tantissimi gol realizzati in svariate categorie, anche professionistiche, nelle vesti di calciatore. Piccolo colpo gobbo ai Rangers Corigliano, i quali in settimana avrebbero dovuto definire gli accordi proprio con l’allenatore originario di Schiavonea, ma la proposta dell’eccellenza era un occasione da non potersi far scappare. Sarà una squadra sicuramente improvvisata quella che affronterà i bianco verdi del Lamezia quest’oggi, con alcuni tesserati estemporanei. In settimana però, quando Apicella potrà iniziare a lavorare con più serenità, dovrebbero arrivare forze fresche, con giovani ragazzi provenienti anche da altre regioni. Quali siano le reali intenzioni della combriccola Nucaro e co. ancora non è storia nota, ma sicuramente ci aspetterà un inverno ricco di novità e di colpi di scena.