Stampa
Categoria: Cultura

in foto il prof. Giulio Iudicissa 

Ve ne sono sempre stati. Ve ne sono ancora. Mancano del pane, di un vestito, di tutto. Muoiono presto di malattia e d’inedia.
Nella lingua ebraica ci sono anche gli “anawim”: poveri non perché sprovvisti di beni materiali, ma per trovarsi in condizione di estrema afflizione nel cuore. Sono “i poveri del signore”. Essi solo a lui possono rivolgere una supplica.
Il salmo 34 assicura che il Signore risponde a questi suoi poveri.