Stampa
Categoria: Cultura

in foto il prof. Giulio Iudicissa 

Frequento il ginnasio, quando scopro Giovanni Papini, subendone anche un certo fascino. Ne accenno a qualcuno e mi rendo conto che l'autore è pressoché sconosciuto alla scuola e alla chiesa. Non si presta, infatti, né alla cattedra né al pulpito, è controcorrente.
Scrive che per comprendere Cristo non bastano i vecchi libri ammuffiti e, più tardi, dopo aver perso l'uso delle gambe e delle braccia, della parola e della vista, si sente ancora ricco, perché gli sono rimaste la fede e la fantasia.