In foto il prof. Giulio Iudicissa 

La sera di un giorno qualsiasi anticipa quella dell’ultimo giorno di vita.
Rivedrò, in un attimo solo, il passato e ringrazierò per i doni ricevuti; poi, invocherò la divina misericordia.
L’angelo custode, allora, mi darà la sua mano, quella che io, tante volte, ho lasciato tra i bagliori del mondo.