Qualcosa l'avevo appresa a scuola, vicende familiari me ne riproposero la sostanza, l'esperienza personale, infine, mi convinse senza appello.
Quell’antico malvezzo della politica, purtroppo, viene da lontano, non muore, resiste.
Quale sia è presto a dirsi: chi governa non si applica anima e corpo alla carica, ma pensa all'altra, più grande e più alta, che gli piacerebbe avere domani.
Dunque, si preoccupa di non scontentare gli alleati e di guadagnarne altri e poco importa, se il palazzo diventi mercato. Per un bel tratto sembra che il gioco riesca, ma, all’improvviso, gli accadrà la sorte dei suoi predecessori: si spegnerà come candela.