L’aforisma è riferito a Totò. Lui, uomo buono e napoletano verace, non si era sbagliato, giacché di cose ne aveva viste tante e di uomini ne aveva conosciuti d’ogni classe.

Disse, nella sua smorfia tragicomica: “A proposito di politica, ci sarebbe qualcosa da mangiare?"

Non servono commenti, soprattutto, oggi.